Un'intelligenza artificiale è riuscita a imitare la capacità di astrazione umana - Wired e Nature

A ottobre 2023* è stato creato il primo modello di intelligenza artificiale capace di generalizzazione sistematica, ovvero dotato dell'abilità "di capire e produrre nuove combinazioni (linguistiche, ndr) a partire da componenti note". Rispetto ai modelli consolidati di AI, come quelli alla base dei comuni chatbot come ChatGpt, questa nuova rete neurale artificiale – sviluppata dall' esperto di psicologia e data science Brenden M.Lake, della New York University, e dal linguista italiano Marco Baroni, che lavora all’Università Pompeu Fabra in Spagna – ha dimostrato una maggiore abilità nell'integrare le parole apprese nel suo vocabolario preesistente e nell'utilizzarle in contesti non familiari, come sanno fare fin da piccoli gli esseri umani.

Leggi tutto l'articolo su Wired: https://www.wired.it/article/intelligenza-artificiale-astrazione-umana-generalizzazione-sistematica/

Leggi l'abstract e scarica la ricerca da Nature: https://rdcu.be/du2fj

(*) In realtà nel mese di ottobre 2023 Nature ha pubblicato i risultati della ricerca, sottoposti per la pubblicazione nel mese di gennaio 2023.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Data analytics per tutti" di Andrea De Mauro: la guida pratica per lavorare con i dati

Come usare ChatGPT per migliorare il proprio lavoro

Dove trovare raccolte di dati (dataset) utilizzabili gratuitamente