Formato delle date e ore in una serie storica

Uno degli aspetti più interessanti della data analytics è che salta sempre fuori qualcosa di nuovo da imparare. L'ultima scoperta (scrivo sempre da "novizio" della materia, non dimenticarlo per favore) è che anche le date (giorni, settimane, mesi e trimestri) hanno un loro standard.

Il problema mi si è posto quando ho iniziato a scrivere le specifiche di aggregazione di alcuni dati che, da puntuali (sono raccolti ad ogni transazione, anche più volte al minuto), devono essere aggregati a livello giornaliero, settimanale ecc. per successive analisi:

  • esiste un modo "più corretto" di indicare la data di un giorno? giornomeseannoannomesegiorno? o mesegiornoanno?
  • una settimana come si indica? e, ancora prima, come si calcola il numero della settimana in un anno?
  • e il giorno della settimana? "lunedì" per i colleghi italiani ha chiaramente un senso (è il giorno più deprimente della settimana), ma per un collega indiano?

Cercando una risposta a queste domande mi sono imbattuto nella norma ISO 8601 "Data elements and interchange formats - Information interchange - Representation of dates and times", nata proprio per definire uno standard comune, internazionale, per la rappresentazione di date e orari. L'obiettivo della norma è proprio quello di evitare ambiguità: 12.03.23 può essere il 12 marzo 2023 in Italia e il 3 dicembre 2023 negli Stati Uniti d'America. Se devi fissare un appuntamento con un amico americano può essere un problema :)

Quindi, la prossima volta che devi definire il formato di una data, o di un'orario, può essere utile consultare la norma ISO 8601: su Wikipedia trovi dei cenni utili, mentre la norma può essere acquistata sul sito dell'International Organization for Standardization.

Mi auguro possa esserti utile

Commenti

Post popolari in questo blog

Dove trovare raccolte di dati (dataset) utilizzabili gratuitamente

Building a high-performance data and AI organization - MIT report 2023

AI Will Transform the Global Economy. Let’s Make Sure It Benefits Humanity. - IFM blog